Nome latino: Allium sativum L.

Famiglia: Alliaceae (ex Liliaceae)

Parte utilizzata: Bulbilli

Proprietà principali:Proprietà principali:  Azione ipotensivante e ipolipemizzante,azione fibrinolitica-antiaggregante piastrinica, antisettica e immunostimolante

Impiego terapeutico: 

  • Aglio uso interno:  Ipercolesterolemia; ipertensione
  • Aglio uso esternoDolori reumatici, calmante della tosse, trattamento delle verruche

Aglio uso interno:

La fitoterapia attribuisce all’Aglio numerose virtù terapeutiche alcune delle quali sono state convalidate da studi scientifici: è il caso delle proprietà antibatteriche, grazie alle quali manifesta attività antisettica e antibiotica, antifungina.

Attualmente la principale indicazione terapeutica dell’Aglio riguarda il trattamento coadiuvante dell’ipertensione e dell’ipercolesterolemia. Alla pianta viene riconosciuta un’azione importante nel trattamento dell’ipercolesterolemia e nella prevenzione delle alterazioni vascolari dovute all’età.

Sono presenti, inoltre, proprietà diuretiche attribuibili soprattutto ai fruttosani e all’olio essenziale. A livello dell’apparato digerente, estratti di Aglio risultano possedere azione stomachica, spasmolitica, eupeptica. Il succo d’Aglio fresco possiede al massimo queste proprietà. L’attività antisettica a livello della flora patogena o abnorme intestinale ne fanno un ottimo disinfettante intestinale, utile nella dispepsia fermentativa e nelle infezioni intestinali acute e croniche.

Combatte efficacemente il meteorismo grazie all’attività antispasmodica e antifermentativa (alliicina).

Aglio uso esterno

L’olio canforato, composto da una miscela di 2 parti di olio canforato e una di Aglio finemente triturato, serve per frizioni esterne nei soggetti affetti da dolori reumatici in quanto procura, in genere, un beneficio immediato e non passeggero.

Fournier ci ricorda che, contro la pertosse e la tosse, può essere utilizzato lo stesso olio frizionando la pianta dei piedi: tale indicazione è testimonianza, molto probabilmente, di un antico sapere in quanto proprio sulla pianta del piede esistono precisi punti che vengono stimolati dagli agopuntori per calmare la tosse.

Studi clinici ne hanno confermato le proprietà antifungine, per applicazione topica, nel piede d’atleta. L’Aglio, inoltre, viene impiegato tradizionalmente nel trattamento delle verruche.

Controindicazioni dell' Aglio:

L’Aglio e i suoi preparati sono sprovvisti di tossicità: la dose tossica è stata calcolata in circa 595 g per un uomo adulto. Raramente possono manifestarsi, in soggetti predisposti, reazioni di tipo allergico quali asma e dermatite. A livello dell’apparato digerente, oltre all’alito pesante, possono comparire turbe gastriche. Se ne sconsiglia pertanto l’utilizzo nei soggetti che soffrono di gastrite e ulcera gastroduodenale. L’impiego dell’Aglio, anche a dosaggi terapeutici, è controindicato, o quantomeno dev’essere attentamente vagliato, nei pazienti in trattamenti anticoagulanti o antinfiammatori non steroidei.

È buona norma pertanto sospenderne l’assunzione durante la gravidanza e l’allattamento. I componenti solforati passano nel latte materno e provocano flatulenza nel lattante.

I principi attivi dell’Aglio vengono eliminati attraverso l’apparato respiratorio, la secrezione urinaria, sudorifera e lattea. Nell’uso esterno, preparati a a base di aglio possono provocare forti irritazioni, fino alla formazione di vescicole, in particolare nei bambini.

Dosaggio:

° Posologia media giornaliera (Commissione E del BfArM): da 3 bulbilli fino a 4 g di aglio fresco /die o preparazioni equivalenti.

° Posologia media giornaliera (ESCOP): 6-10 mg di alliina/die (3-5 mg di allicina) cioè uno spicchio o, espresso in polvere d’aglio, da 0,5 a 1 g/die; 2-4 g di bulbo essiccato (Adulto: infezioni vie aeree)

° Aglio fresco: da 3 bulbilli al dì fino a 4 g (uno spicchio circa).

° Infuso: fare infondere per dieci minuti 4 g di aglio fresco in 150 ml di acqua.

° Polvere: 600-900 mg/die (corrispondente a 2,4-3,7 g di aglio fresco).

° Estratto secco nebulizzato titolato in alliina min. 1% (Farmacopea Francese): 1 capsula dopo i 2 pasti principali.

Aglio Cenni storici:

° Ippocrate considerava l’aglio un ottimo condimento e ne consigliava l’uso nelle eccessive libagioni, «quando si berrà troppo, oppure in stato di ebbrezza». Celso consigliava ai dispnoici di «succhiare Aglio fritto, pestato e unito al miele»

° Nel XVII secolo le epidemie erano molto frequenti e come difesa contro i “miasmi”vennero escogitati vari mezzi di difesa: tra questi le “palle odorifere”, sfere metalliche traforate che, all’interno, contenevano sostanze aromatiche e profumi atti a prevenire le pestilenze. Tra queste sostanze c’era anche l’Aglio.

° Apicio nel De re coquinaria ci trasmette le ricette di 2 salse in cui rientra l’Aglio: «Togliere la mollica a un pane alessandrino e macerarlo nella posca (mistura di acqua e aceto bevuta abitualmente dai soldati). Tritare nel mortaio pepe, miele, menta, Aglio, coriandro verde, formaggio vaccino salato, e insieme acqua e olio.

° Spargere sopra del ghiaccio, quindi servire in tavola». «Tritare un pizzico di comino, la metà di pepe e uno spicchio di Aglio mondato. Cospargere di salsa di pesce; versare sopra goccia a goccia un po’ di olio. Questa salsa ristora assai lo stomaco pesante e fa digerire.»

Fonte: Dizionario di Fitoterapia e Piante medicinali - Campanini

Prodotto aggiunto alla tua wishlist
Prodotto aggiunto al comparatore

Questo negozio online utilizza cookie (anche di terze parti) e altre tecnologie in modo da migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito e per inviare messaggi promozionali sulla base del comportamento degli utenti.