Nome latino: Artemisia vulgaris L.
Famiglia: AsteraceeParte utilizzata: Sommità e radice

Proprietà principali: Attivita amaro-tonica, eupeptica; antispasmodic.

Impiego terapeutico: 

  • Artemisia uso interno: Atonia digestiva, dispepsia; come tonico nervino.

     

Artemisia uso interno:

Le cure popolari utilizzano la radice come antispasmodico. Sono segnalate anche proprietà insetticide.

Controindicazioni dell' Artemisia:

La letteratura non segnala effetti secondari e tossici alle dosi terapeutiche, a meno che non vi sia una particolare sensibilità individuale. Come per tutti gli amari l’uso è controindicato in caso di gastrite, ulcera gastrica e duodenale.

Dosaggio:

  • Infuso: un cucchiaino da caffè per tazza d’acqua; 3 tazze al giorno.
  • Polvere: 2 a 4 g al giorno.
  • Estratto fluido: 0,5-1 g più volte al dì (1 g = 36 gocce).
  • Artemisia vulgaris T.M.: 30 gocce, diluite in acqua, 1-3 volte al giorno.

Artemisia Cenni storici:

  • Dioscoride la consigliava per provocare le mestruazioni e accelerare il parto, Ippocrate per far espellere la placenta.
  • Un mazzolino di artemisia messo in una stanza può allontanare le mosche e le zanzare.

Fonte: Dizionario di Fitoterapia e Piante medicinali - Campanini

Prodotto aggiunto alla tua wishlist
Prodotto aggiunto al comparatore

Questo negozio online utilizza cookie (anche di terze parti) e altre tecnologie in modo da migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito e per inviare messaggi promozionali sulla base del comportamento degli utenti.