Nome latino: Berberis Vulgaris L. 

Famiglia: Berberidaceae

Parte utilizzata: Radice (corteccia), foglie e frutti
Proprietà principali: Ipotensiva, coleretica e antispasmodica; vasocostrittrice ed emostatica

Impiego terapeutico: 

  • Crespino uso interno: Metrorragie; come amarotonico; nefrolitiasi, ritenzione urinaria e come depurativo del sangue

Crespino: proprietà e usi cosmetici

Il crespino è indicato in caso di congiuntivite e come cicatrizzante per piccole ferite. Le bacche e le foglie sono ricchissime di vitamina C, e con esse si può preparare un ottimo infuso dall'azione rinfrescante.

Dosaggio:

  • Infuso o breve decotto di 40 g di corteccia in un litro d’acqua; 3 tazze al giorno tra i pasti. Si può dolcificare.
  • Infuso (frutti e foglie): 2 cucchiaini da caffè per tazza d’acqua; 1-3 tazze al dì.
  • Estratto fluido: 2-3 g pro dose (1 g = 50 gocce).
  • Berberis vulgaris T.M.: 5-10 gocce, diluite in acqua, 1-3 volte al giorno.

Crespino Cenni storici:

  • I giovani germogli sono utilizzati bolliti. Anche i frutti maturi, di sapore vinoso, acidulo, ricchi in vitamina C, sono commestibili e possono essere utilizzati freschi o canditi o per preparare sciroppi e marmellate.
  • Grazie alla presenza di sostanze amare possono essere impiegati per confezionare aperitivi.
  • Da corteccia e radici di produce un erba tintoria dai toni biondi.

Fonte: Dizionario di Fitoterapia e Piante medicinali - Campanini

Prodotto aggiunto alla tua wishlist

Questo negozio online utilizza cookie (anche di terze parti) e altre tecnologie in modo da migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito e per inviare messaggi promozionali sulla base del comportamento degli utenti.