INFORMATIVA SUI COOKIES: BioVeganShop utilizza i cookies per lo shopping. Preseguendo acconsenti automaticamente.
AccettoInformativa Estesa

Quattro chiacchiere con: Gian Luca Mortara di Antos

12 maggio 2021
.
Sulle colline del Monferrato, a pochi passi dalla Pianura Padana, nel territorio del vino, dei tartufi e delle cose buone, troviamo il laboratorio Antos cosmesi naturale, un’azienda storica a conduzione familiare, nata una trentina di anni fa dalla passione dei proprietari, la famiglia Mortara. Il signor Gian Luca, figlio dei fondatori e da diversi anni amministratore e community manager, che ringraziamo per la sua spiccata simpatia e gentilezza, ci ha concesso una breve chiacchierata. Cercheremo con queste “Quattro chiacchiere” di conoscerlo meglio e di farci raccontare tante curiosità su questa fantastica azienda di cosmesi naturale.

1- Buongiorno Gian Luca...per iniziare vorremmo chiederle come e quando è nata l’idea Antos?
Verso la fine degli anni ’80 a mio papà per caso... Una ragazza aveva la necessità di creare cosmetici per la sua tesi di laurea, ha pensato a noi perché in quel tempo la nostra azienda era dedicata all'apicoltura. Così insieme a mio padre provarono a realizzare qualche cosmetico artigianale utilizzando come ingredienti i prodotti dell’alveare ed estratti vegetali. Grazie a questo episodio prese forma l’idea di creare un piccolo laboratorio artigianale di cosmetici naturali. Il nome Antos fu scelto perché in greco antico vuol dire Fiore.
       
2- I vostri prodotti sono molto apprezzati, qual’è stata ad oggi la vostra filosofia di produzione e di vendita che vi ha consentito di ottenere questo grande successo nel mondo della cosmesi naturale?
Ancora oggi, dopo tanti anni, le nostre produzioni seguono la via della freschezza: non produciamo più di quello che sappiamo di poter vendere entro qualche mese. In questo modo garantiamo un'elevata freschezza dei principi attivi ad ogni prodotto cosmetico... Insomma un vero e proprio lavoro artigianale.

Negozio Antos

3- Secondo lei cosa distingue Antos dai competitor e qual’è il vostro punto di forza?
La nostra azienda cerca di distinguersi restando legata alla tradizione della semplicità, anche se comunque l’evoluzione è costante e segue la continua ricerca che caratterizza il mondo della cosmesi. Ciò che ci distingue dai nostri competitor e, allo stesso tempo è il nostro punto di forza, è sicuramente il nostro modo di coinvolgere il cliente, che va oltre al semplice cosmetico. I nostri clienti possono partecipare alla vita aziendale, sia grazie ai social, sia grazie alla possibilità di venirci a trovare in azienda. Inoltre abbiamo creato delle giornate presso i nostri rivenditori, dove mostriamo come si prepara una crema.

4- Quali sono gli attivi vegetali principali che usate nella formulazione dei vostri prodotti?
Gli estratti di erbe sono davvero tantissimi ...li prepariamo in laboratorio in concomitanza con le produzioni dei prodotti, affinché si possano inserire subito nel cosmetico che stiamo preparando e non debbano essere conservati per tanto tempo, come dicevo la freschezza del prodotto per noi è molto importante, anche per le materie prime che utilizziamo. Il trend della cosmesi naturale ha però fatto si che in questi ultimi anni siano state sviluppate davvero tantissime materie prime di origine vegetale. La più utilizzata in questo momento è sicuramente l’acido ialuronico, un componente davvero versatile che vanta innumerevoli applicazioni ed è anche molto efficace.

5- Quale è stato il primo prodotto che avete formulato? ...è ancora presente nella vostra gamma di referenze?
Il nostro primo prodotto, che vendevamo quando Antos non era ancora nata, era la “Crema cera, miele e olio di mandorle”, un unguento utilizzabile per le scottature e per nutrire la pelle. Il prodotto in questione è ancora a catalogo con una piccola modifica, l’aggiunta di estratto oleoso ( o oleolito) di propoli, e oggi si chiama "Unguento alla propoli".
       
6- Una persona piena di energia e inventiva come lei, avrà sicuramente dei progetti futuri per Antos. Possiamo avere qualche anticipazione?
Sicuramente appena ci si potrà muovere, riprenderà il nostro tour, ma l’idea è quella di creare un vero e proprio "tour green" che faccia il giro della penisola. Stiamo sviluppando l’idea e speriamo che presto la si possa mettere in atto.

Interni Antos
       
7- Quale consiglio può dare alle persone che si sono da poco avvicinate al mondo della cosmesi naturale?
Il nostro consiglio è sempre quello di parlare con le aziende che ti vendono un prodotto e, diffidare da chi, invece di esaltarti le caratteristiche del prodotto ci tiene a sottolineare l’importanza di non usare i derivati del petrolio, i siliconi ecc. Per accogliere un pubblico nuovo è necessario aprire le menti, offrire cioè valide alternative senza dover per forza denigrare a tutti i costi le altre materie prime.
       
8- Siete molto apprezzati anche per le vostre “giornate a porte aperte” in laboratorio, dove mostrate alle clienti come nascono i vostri prodotti. Qual è la reazione da parte dei visitatori e quali sono le domande che vi fanno più spesso?
Ci piace questa parte del nostro lavoro, poter parlare con i clienti è il nostro segreto per far crescere l’azienda ogni giorno di più. La domanda che ci viene spesso posta è proprio quella classica: "Ma come avete cominciato?” La reazione dei clienti è sempre quella di “stupore” perché all’interno del laboratorio si possono vedere cose che in foto o in video non ti puoi immaginare. Però è bello anche per noi vedere l'emozione e la gioia nei volti dei visitatori, ci da la carica per andare avanti sempre! :)
     
9- Sappiamo che svolge all’interno di Antos anche il ruolo di "Community Manager", per questo motivo le chiediamo quanto è rilevante secondo lei il “potere del web” per far conoscere trasversalmente i prodotti?
Oggi il web ti permette di arrivare in tutto il mondo restando a casa, bisogna però conoscere comunque i propri clienti e cercare di veicolare il messaggio giusto alle persone giuste. Sappiamo bene come il diffondersi di false informazioni spaventi molti consumatori; quindi dobbiamo essere supercompetenti se vogliamo essere presi in considerazioni dalle persone che possono venire in contatto con noi.

Laboratorio Antos
       
10- Nel 2008 abbiamo letto che il laboratorio purtroppo è stato colpito da un brutto incendio. Come avete reagito per superare questo nefasto episodio?
Quello è stato davvero un brutto momento, ma semplicemente lo abbiamo affrontato, come abbiamo affrontato tanti altri momenti di difficoltà. Fortunatamente in quel periodo il lavoro stava crescendo, quindi ci siamo attivati velocemente per costruire un altro laboratorio e andare avanti. Tutto il resto è arrivato da solo :)

11- Per concludere queste nostre “Quattro chiacchiere” vorremmo chiederle da imprenditore del settore cosa ne pensa del fenomeno ecobio sempre più in voga oggi e quali saranno secondo lei le evoluzioni della cosmesi naturale in Italia?
Al giorno d'oggi chiunque, se vuole, può creare un brand di cosmesi, ma tanti lo fanno perché sperano di fare il grande salto e diventare ricchissimi. Questo però è un campo che richiede, come dicevamo prima, una serie di competenze che non si possono creare dall’oggi al domani come si può invece fare per un brand di un altro settore, quindi solo chi sa davvero cosa sta facendo potrà emergere. Stiamo assistendo però ad un cambiamento importante, dove i singoli ingredienti ricevono la giusta importanza e le persone iniziano a capire che il cosmetico  non è una pozione miracolosa, ma un alleato che se usato correttamente può darti tanti benefici. Proprio per questo in futuro vinceranno sempre più la trasparenza e l’etica (e non l’etichetta) delle aziende.
 
Antos cosmesi.
ellipse dot,point,circle,waiting,typing,sending,message,ellipse,spinner cc-by igf6j3